Pages Menu
RssFacebook
Categories Menu

Posted by on Oct 24, 2013 in Forex News | 0 comments

Dollaro ai minimi da 10 mesi contro l’euro

Dollaro ai minimi da 10 mesi contro l’euro

Il dollaro è sceso ai nuovi minimi da 10 mesi contro l’euro e ai minimi da quattro mesi contro il dollaro australiano. Per molti, questo dato è la conferma dell’impopolare decisione della Fed di non tagliare il suo QE, che è stato rimandato al marzo 2014. Tuttavia, è interessante notare che la reazione del dollaro è stata più contenuta rispetto a quella del debito, con l’esuberanza dell’S & P 500 che è stata significativamente più debole rispetto alla media delle prestazioni rialziste la scorsa settimana.

Avendo considerato quanto accaduto, cosa dobbiamo attenderci per i giorni che mancano in questa settimana? Un elemento importante è il livello di speculazione che circonda le condizioni di allentamento della politica monetaria. Le azioni statunitensi sembrano particolarmente legate al QE. In assenza di un rally non dovrebbe iniziare un trend toro.

Le prospettive dei tassi di interesse per gli Stati Uniti possono essere all’estremo ribassista, con i mercati che aspettano l’acceleratore dello stimolo nei prossimi cinque mesi. La sterlina si trova, in questi giorni, all’estremità opposta. I mercati sono molto sensibili relativamente al fatto che la Banca d’Inghilterra (BoE) terrà i tassi di riferimento bassi fino al 2016 almeno.

Nel dettaglio del dollaro australiano si può pensare ad un recupero consistente della valuta australiana. Solo pochi mesi fa, il dollaro australiano ha trovato trazione e recupero con una propensione al rischio decisamente timida.

La moneta unica, invece, potrebbe guadagnare nei confronti del dollaro americano, che sta perdendo il suo appeal come moneta di riserva. Come seconda moneta di riserva più prolifica del mondo e grazie al recupero dei gravi timori esistenziali nel corso degli ultimi anni, l’euro inizia a guadagnare da dei flussi di diversificazione costante. Le cifre del debito dell’Eurozona sono sempre migliori e la nostra moneta sale di valore.

Post a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *