Pages Menu
RssFacebook
Categories Menu

Posted by on Jul 23, 2013 in Forex News | 0 comments

Sul Forex è arrivata l’estate, volumi ridotti all’osso

Sul Forex è arrivata l’estate, volumi ridotti all’osso

Nell’ultima sessione asiatica caratterizzata da nessun evento significativo, il dollaro è riuscito a contenere  la  polarizzazione negativa che ha consentito, di contro,  il rafforzamento dell’Euro, della Sterlina dello Yen ed infine del dollaro australiano.  Sul fronte materie prime invece il petrolio è rimasto a 107 dollari al barile,  mentre rimane stabile anche il prezzo dell’oro (che negli ultimi tempi ha visto un incremento del proprio valore) in area 1335.  Tutte le borse asiatiche hanno chiuso in positivo:

  • Hong Kong e Shanghai + 2% di guadagno
  • Giappone, il Nikkei si è apprezzato dello 0,77%,
  • Korea: il Kospi  si è apprezzato dell’1,15%.

Ma andiamo a vedere nel dettaglio i vari cambi valutari.

CAMBIO EURO / DOLLARO

Entrambe le valute non deludono le aspettative, nonostante la stagione estiva sia caratterizzata da un calo fisiologico dei volumi, il dollaro ha continuato la scia ribassista che ne aveva caratterizzato l’apertura settimanale (probabilmente a causa dei report economici pubblicati dagli USA sul numero di case) e l’euro continua a mantenere il tono rialzista (in questo caso l’incremento del debito pubblico al 92,2/, non ha provocato reazioni in questo mercato). La coppia EUR/USD ha raggiunto il nuovo massimo delle ultime cinque  settimane  a 1,3217.

 

CAMBIO STERLINA / DOLLARO

La coppia GBP / USD ha registrato un massimo di 1,5382 prima di terminare in area 1.5350. Tutto sembra in stallo probabilmente fino all’approvazione delle delibere di mutuo (BBS) da parte del cosiddetto United Kingdom.

In caso di dati deludenti, si potrebbe raggiungere il livello 1,5290/1.53. In uno scenario più favorevole al pound , la possibile risalita potrebbe attestarsi intorno ai 1,5404 (livello Fibo).

CAMBIO DOLLARO / YEN

La coppia USD JPY offre pochi cambiamenti rispetto ai giorni scorsi. Anche l’avanzamento della moneta giapponese nei confronti del dollaro, dopo qualche piccolo andamento irregolare, si è fermata ai minimi a 99,13. Tutto lascia presagire ad una prossima apertura ribassista, staremo a vedere nei prossimi giorni.

CAMBIO DOLLARO AUSTRALIANO / DOLLARO AMERICANO

Partendo dal presupposto che fino a quando il prezzo del dollaro australiano nei confronti di quello americano si attesta al di sotto della quota di 0,9380 si tratta soprattutto di movimenti correttivi della tendenza al ribasso, ad oggi, l’australiano ha raggiunto la quota 0,9292, lasciando il livello di  supporto di 0.9250.

Ecco il quadro completo della situazione ad oggi 23/07/2013, voi che ne pensate? Su quale valuta puntereste maggiormente per ottenere dei guadagni maggiori? Lasciate un commento e condividete l’articolo sui social networks.

Post a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *