Pages Menu
RssFacebook
Categories Menu

Posted by on Aug 29, 2013 in Previsioni forex | 0 comments

Consigli forex 2014

Consigli forex 2014

In questo periodo di crisi, anche operare in borsa col forex non è una cosa che spesso risulta essere sicura e affidabile: gli indici delle principali materie prime in alcuni casi, la loro quotazione ed il loro prezzo continuano a subire moltissime variazioni, molte delle quali del tutto imprevedibili.

Bisogna quindi avere una sorta di sesto senso e sopratutto conoscere bene tutte le variabili per effettuare un investimento che risulti essere vincente, e che sopratutto risulti essere proficuo e che non si tramuti in perdite di grosse somme di denaro.
Vediamo pertanto quali sono le materie prime sulle quali è consigliabile investire e quali bisogna cercare di evitare per non perdere grosse somme di denaro.

Dove è consigliabile investire.

Col 2013 che volge ormai al termine, seppur mancano ancora quattro mesi, gli investitori sono tutti propensi a chiedersi quali saranno le materie prime che nel corso del prossimo anno saranno in grado non soltanto di dare soddisfazioni agli investitori, ma anche di permettere loro di ottenere dei guadagni dai loro investimenti.
Una delle tante materie prime sulle quali è consigliabile investire è lo stagno: questo infatti, secondo le previsioni degli analisti, subirà un grande rialzo del suo prezzo, partendo da circa ventiquattro mila dollari fino ad arrivare a venti sei mila a tonnellata nella prima parte dell’anno prossimo. Si tratta quindi di un aumento non di certo indifferente che potrebbe fruttare un guadagno non indifferente a coloro che intendono investire sullo stagno, e pertanto è consigliabile investire principalmente in questa materia rispetto che in altre.
Alle spalle dello stagno come materia prima consigliata per un investimento futuro è lo zinco: anche questo, seppur con diversi ribassi nella parte finale di quest’anno, subirà un lento ma elevato rialzo del prezzo, arrivando a toccare i due mila e settecento dollari come valutazione nel corso del 2014. Anche in questo caso quindi, è conveniente investire anche sullo zinco, anche se potrebbe accadere che dopo il raggiungimento di tale cifra, questa materia subisca l’ennesimo crollo del prezzo.
Se invece si vogliono correre meno rischi, è consigliabile investire nel palladio: questo infatti subirà un leggero rialzo nel corso del prossimo anno, rialzo che comunque permetterà agli investitori di essere in grado di portare a casa una piccola somma di denaro derivante dall’investimento nel palladio.

Dove e consigliabile evitare di investire.

Come per tutte le cose, oltre ai dati positivi vi sono anche i dati negativi: si tratta di una sorta di rovescio della medaglia che, in questo caso non deve essere assolutamente preso in considerazione, per il semplice fatto che se si dovesse investire in uno di questi settori, le perdite di denaro non verranno a mancare.
Ma quali sono i settori dai quali bisogna stare a tutti i costi alla larga proprio per evitare delle perdite di denaro?
In prima posizione si trova il rame: secondo alcune previsioni fatte sempre dagli esperti, il rame nel corso del prossimo anno subirà un grosso calo del suo prezzo, passando da nove mila a sette mila dollari per tonnellata, con una differenza di ben due mila dollari, perdita di certo non da sottovalutare e che si tramuta in perdita sicura del patrimonio.
Anche il mais non è di certo consigliabile come investimento: anche questa materia infatti subirà una piccola perdita del prezzo per tonnellata, passando da ottocentocinquanta dollari a seicento cinquanta, perdita che risulta essere minore rispetto quella che subirà il rame ma che comunque rappresenta una perdita per i futuri investitori.
Se invece si ama il rischio, seppur con una leggera perdita secondo gli esperti, anche se non del tutto consigliabile gli investitori possono puntare gli occhi su materie prime come grano e oro: entrambi subiranno delle lievi perdite che potrebbero essere compensate da degli inaspettati rialzi del loro prezzo nel corso del prossimo anno, anche se comunque è sempre meglio investire sulle materie che subiranno un rialzo quasi certo rispetto queste che, sotto un certo punto di vista, si comportano in una maniera assolutamente non del tutto affidabile.

Post a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *