Pages Menu
RssFacebook
Categories Menu

Posted by on Sep 20, 2012 in Previsioni forex | 0 comments

Consigli forex per l’ultimo trimestre 2012

Consigli forex per l’ultimo trimestre 2012

Il forex ovvero il foreign exchange rappresenta il mercato delle valute sul quale gli operatori come le banche, i broker e quant’altro si scambiano le valute per diversi motivi ,come ad esempio per speculazione o per strategia di investimento quale l’ hedging.
Il Forex non ha una sede concreta in quanto rappresenta un mercato dislocato le cui contrattazioni si eseguono per via telematica. Ha il vantaggio di essere sempre aperto, 24 ore su 24, comprese le giornate di festività, e di non applicare tassazioni sulle plusvalenze a condizioni che le operazioni effettuate abbiano una durata inferiore ai sette giorni e che non si abbia percepito un guadagno superiore a 51.645,69 euro.

Consigli forex per fine 2012

I consigli forex per la fine di questo anno legati all’andamento dell’euro, considerano il fatto che la moneta risente di pesanti vendite oltre che del debito che accomuna tutti i paesi europei, pertanto, difficilmente entro la fine del 2012 la moneta europea riuscirà a riprendere la sua quotazione in salita, tuttavia sono propensi a suggerire investimenti in tale valuta nella convinzione che entro la fine dell’anno l’euro sarà destinato a ritornare a risalire.
Forex valuta positivamente l’apprezzamento dello yuan dettato dal fatto che molti esportatori stranieri preferiscono ricevere i pagamenti in tale valuta. La moneta asiatica viene quindi consigliata come un buon investimento anche perché si ha la convinzione che l’economia asiatica stia per riprendere.
Mentre non c’è ottimismo nel consigliare l’acquisto di valuta canadese, infatti il dollaro canadese si è notevolmente indebolito una volta scoperto che le riserve di greggio americane erano in quantità maggiori rispetto a quanto preventivato. Sarà probabile che il dollaro canadese subirà, entro la fine dell’anno, un ulteriore indebolimento, anche in considerazione che ha perso valore rispetto anche allo yen dopo che la banca centrale ha deciso di aumentare l’acquisto di titoli di Stato.
Il cambio euro/dollaro attuale non risulta negativo anche se ha segnato solo un lieve incremento in quanto risente notevolmente dei cambiamenti repentini dei mercati. Le previsioni per la moneta americana, entro la fine dell’anno, prevedono delle variazioni legate alla prossime elezioni, pertanto Forex consiglia investimenti cauti in questa valuta. Mentre per quanto concerne il franco svizzero visto che il cambio con l’euro segna un incremento significativo, Forex arriva a consigliare una strategia di investimento in previsione che la moneta svizzera dovrà sicuramente registrare un ulteriore aumento entro la fine dell’anno.
Il dollaro americano continua ad essere in una situazione di status di bene e in una situazione di rifugio contro la crisi dei paesi europei.
La crisi del debito sovrano localizzata nella zona dell’Europa ha fatto muovere gli investimenti sull’euro in zone più sicure e quindi a tornare sui vecchi passi di capitalizzazione, in questo modo i grandi investitori preferiscono adottare investimenti sul dollaro americano ed in particolare il T-Bond a lunga scadenza.
Ciò che si teme è che il dollaro, nonostante abbia subito anche lui una crisi, riesca a dimostrarsi superiore a euro, sterlina e commodity currency causando in questo modo un rallentamento economico. La crisi europea potrebbe inoltre evolversi procedendo ad uno stadio del tipo “dentro o fuori” assumendo in questo modo una pressione al ribasso troppo elevata facendo aumentare il denaro liquido circolante e quindi attirando diversi speculatori e portando il tasso di cambio euro/dollaro oltre alla soglia dell’1,20.
L’ipotesi futura più ottimista è la soluzione della crisi economica nei prossimi 4 o 5 mesi portando il dollaro a soffrire contro le majors, in questo modo il tasso di cambio euro/dollaro potrebbe spostarsi intorno all’1,53 con picchi di 1,40 migliorando l’economia europea. Più difficile sarebbe il tasso di cambio dollaro/yen che potrebbe variare da 80 a 75 nei quattro prossimi mesi.

Post a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *